Programmi Complementari di Azione e Coesione, assegnate le prime risorse

Sei qui:/Programmi Complementari di Azione e Coesione, assegnate le prime risorse

Programmi Complementari di Azione e Coesione, il CIPE assegna le prime risorse

Il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE), nella seduta del 1 maggio scorso, ha approvato l’assegnazione delle prime risorse volte al finanziamento dei Programmi Complementari di Azione e Coesione.

Tra le risorse assegnate ci sono:

  • un miliardo e 732,75 milioni per il Programma Complementare della Campania, derivanti principalmente dai Fondi europei di Sviluppo Regionale 2014-2020 (FESR) all’interno dei programmi operativi regionali, nonché anche in questo frangente per la soddisfazione dei traguardi non ancora giunti a compimento nell’ambito del FESR 2007-2013;
  • 696,25 milioni per il Programma Complementare Imprese e Competitività 2014-2020, riservato esclusivamente alle cinque Regioni meno sviluppate del Mezzogiorno (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia);
  • 845,98 milioni per il completamento dei progetti inseriti nella programmazione dei Fondi strutturali e di investimento europei (Fondi SEI) del periodo 2007-2013 e non conclusi entro la scadenza prevista del 31 dicembre 2015.

Cosa sono i Programmi Operativi Complementari

Programmi Operativi Complementari (POC) sono una delle seguente tre famiglie di programmi per l’attuazione della politica regionale di coesione del ciclo 2014-2020:

I Programmi Complementari sono un nuovo strumento della programmazione economica che ricalca l’esperienza fatta nell’ambito del ciclo di Programmazione 2007-2013 con il Piano d’Azione e Coesione (PAC). Hanno un compito fondamentale nell’attuazione e completamento di tutti gli altri Programmi Operativi in quanto sono destinati a facilitare e privilegiare l’accesso ai fondi europei da parte delle Regioni meno sviluppate, garantendo un pieno utilizzo delle risorse finanziare disponibili attraverso una serie di azioni che mirano a colmare i ritardi rilevanti nell’attuazione degli interventi e, al contempo, rafforzare e monitorare la loro efficacia, con riferimento anche a progetti non completati del precedente ciclo della programmazione europea (2007-2013). Per dirla in parole semplici servono a far funzionare tutti gli altri Programmi Operativi e aiutano le amministrazioni centrali e locali ad impegnare e spendere tutti i finanziamenti europei a loro disposizione entro le scadenze fissate dall’UE, evitando il rischio di perderli.

E’ il caso di molti progetti del precedente ciclo di programmazione 2007-2013 che non sono stati completati entro la data del 31 dicembre 2015 e potranno evitare il rischio di perdere i finanziamenti europei solo utilizzando le risorse dei POC entro la nuova scadenza del 31 marzo 2017.

Le risorse finanziarie dei Programmi Operativi Complementari ammontano a oltre 7,4 miliardi di euro, sono state ottenute con il dimezzamento del cofinanziamento nazionale ai programmi 2014-2020 di Campania, Calabria e Sicilia e saranno utilizzate in forme di investimento ad accesso semplificato, assegnate per un importo pari a 4,4 miliardi di euro ai Programmi Regionali e per circa 3 miliardi a quelli nazionali.

In particolare, i Programmi Complementari Regionali riguardano:

  • Calabria, per un totale 832.6 milioni di euro;
  • Campania, a cui vengono destinate risorse per un miliardo e 732,7 milioni di euro;
  • Sicilia, con un budget stimato di un miliardo e 882,3 milioni di euro.

I Programmi Complementari Nazionali si riferiscono ai seguenti Programmi Operativi:

  • PON Cultura, con risorse pari a 178,5 milioni di euro sotto la gestione del MiBACT;
  • PON Governance, amministrato dal Dipartimento Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con un budget assegnato pari a 247 milioni di euro;
  • PON Imprese, gestito dal Ministero dello Sviluppo Economico, per il quale è stato disposto uno stanziamento di 824 milioni;
  • PON Inclusione e PON Legalità, con risorse pari rispettivamente a 302 milioni e 137,3 milioni di euro, entrambi affidati alla tutela del Ministero dell’Interno;
  • PON Infrastrutture, amministrato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, a cui sono destinati 670,4 milioni di euro;
  • PON Metro, per il quale sono stati stanziati 206 milioni di euro, in gestione all’Agenzia della Coesione;
  • PON Ricerca, con un fondo pari a 412 milioni di euro amministrato dal MIUR.

Così soddisfatti i bisogni dei diversi programmi, le ulteriori risorse residue pari a 250 milioni di euro sono preposte per il finanziamento del Programma Complementare per la Governance dei sistemi di Gestione e Controllo 2014-2020, presentato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze di concerto con il CIPE per rafforzare le politiche di controllo e monitoraggio dei programmi in corso.

 

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LASCIATI ISPIRARE!

Per avere sempre a portata di mail informazioni utili per sviluppare e innovare la tua impresa iscriviti alla nostra Newsletter:

Iscrizione