Pacchetto localizzativo per l’area di crisi “Merloni”

Sei qui:/Pacchetto localizzativo per l’area di crisi “Merloni”
Antonio Merloni, lo stabilimento di Fabriano

Antonio Merloni, lo stabilimento di Fabriano

Area di crisi “Merloni”

Pacchetto Localizzativo Italia
Capitali e assistenza tecnica per la realizzazione di iniziative industriali in area di crisi A. Merloni – Legge 181

Il Ministero dello Sviluppo Economico, la Regione Marche, la Regione Umbria e Invitalia hanno sottoscritto un Accordo di Programma per l’attuazione del Piano di sviluppo dell’area di crisi “Merloni”, impegnando risorse pubbliche pari a 81 milioni di euro (35 nazionali, 46 regionali)

Il Piano promuove:

  • l’attrazione di nuovi investimenti produttivi nell’area
  • lo sviluppo e la riqualificazione delle imprese esistenti
  • il reimpiego dei lavoratori dell’ex A. Merloni Spa.

A tal fine, sono disponibili:

  • incentivi agli investimenti e all’occupazione
  • servizi di informazione e orientamento sulle opportunità di investimento e di reinserimento nel mercato del lavoro
  • supporto finanziario da parte del sistema locale del credito

La durata dell’Accordo di Programma è stata prorogata al 19 marzo 2017 con l’Atto integrativo del 18 marzo 2015.
Con Circolare Ministeriale 22 marzo 2016, n. 26398  è stato emanato l’Avviso pubblico per l’area di crisi Merloni con una dotazione finanziaria complessiva di 26 milioni di euro.

Le domande potranno essere presentate a partire dalle ore 12 del 1° giugno 2016 e sino alle ore 12 del 30 giugno 2016.

Elenco dei Comuni ricadenti nell’area coinvolta dalla crisi del Gruppo Antonio Merloni

REGIONE MARCHE
Acquacanina – Arcevia – Barchi – Belforte del Chienti – Belvedere Ostrense – Bolognola – Caldarola – Camerino – Camporotondo di Fiastrone – Castelbellino – Castelleone di Suasa – Castelplanio – Castelraimondo – Castelsantangelo sul Nera – Cerreto d’Esi – Cessapalombo – Cupramontana – Esanatoglia – Fabriano – Fiastra – Fiordimonte – Fiuminata – Fratte Rosa – Frontone – Gagliole – Genga – Jesi – Maiolati Spontini – Matelica – Mergo – Mondavio –  Monsano – Monte Cavallo – Monte Roberto – Morro d’Alba – Muccia – Orciano di Pesaro – Pergola – Pieve Torina – Pievebovigliana – Pioraco – Poggio San Marcello – Poggio San Vicino – Rosora – San Costanzo – San Lorenzo in Campo – San Marcello – San Paolo di Jesi – Sassoferrato – Sefro – Serra San Quirico – Serra Sant’Abbondio – Serrapetrona – Serravalle di Chienti – Ussita – Visso

REGIONE UMBRIA
Assisi – Bastia Umbra – Bevagna – Campello sul Clitunno – Costacciaro – Foligno – Fossato di Vico – Gualdo Tadino – Gubbio – Nocera Umbra – Scheggia e Pascelupo – Sigillo – Spello – Spoleto –  Trevi – Valfabbrica – Valtopina

Cosa fa Mendelsohn per l’area di crisi Merloni

  1. Presenta la domanda e segue l’istruttoria della pratica a Roma presso INVITALIA
  2. Si occupa dei rapporti con le banche locali per l’erogazione di finanziamenti dedicati alla copertura dell’equity e agli anticipi sul contributo statale
  3. Si occupa di ulteriori coperture finanziarie disponibili presso Fondi di investimento privati
  4. Si occupa delle eventuali autorizzazioni necessarie alla realizzazione degli impianti, scegliendo professionisti tecnici locali da associare all’incarico

Quali iniziative sono agevolabili

  • Iniziative industriali in qualunque settore economico
  • Iniziative nel settore agroalimentare
  • Iniziative per la tutela ambientale
  • Iniziative nel turismo
  • Impianti di produzione di biometano da fonti rinnovabili
  • Impianti per la produzione di olio da alghe
  • Impianti di trigenerazione

Le imprese devono essere costituite sotto forma di società di capitali, società consortili o cooperative.
Sono ammesse anche le newco.
L’importo delle spese non può essere inferiore a euro 1.500.000,00.

Le agevolazioni previste

La Legge 181 prevede una copertura finanziaria da parte dello Stato pari al 75% dell’investimento con:

  • Contributo a fondo perduto in conto impianti, pari al 25%
  • Finanziamento agevolato (da restituire in 10 anni a tasso quasi zero), pari al 50%

La rimanente copertura finanziaria, pari al 25%, è da reperire da altre fonti esenti da aiuto di stato: banche, fondi privati, ecc.)

Contattaci subito se sei:

  • un’azienda che ha intenzione di realizzare un’iniziativa in area di crisi Merloni
  • un tecnico (ingegnere, architetto) che vuole diventare punto di riferimento Mendelsohn in area di crisi Merloni
  • un commercialista che intende collaborare nei progetti finanziari in area di crisi Merloni

CONTATTO
CONTATTO

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LASCIATI ISPIRARE!

Per avere sempre a portata di mail informazioni utili per sviluppare e innovare la tua impresa iscriviti alla nostra Newsletter:

Iscrizione