Innonetwork, il nuovo bando della Regione Puglia per Ricerca e Sviluppo

Sei qui:/Innonetwork, il nuovo bando della Regione Puglia per Ricerca e Sviluppo

Innonetwork, il nuovo bando regionale per Ricerca e Sviluppo

Innonetwork: fare rete per la ricerca industriale e lo sviluppo sostenibile

Dopo l’impegno profuso nel 2016 nel settore Ricerca e Sviluppo con la collaborazione a progetti europei – Horizon 2020 – e Nazionali – Agenda Digitale e Sviluppo Sostenibile – Mendelsohn è già a lavoro sull’ultimo strumento predisposto dalla Regione Puglia nel quadro dell’agenda di Europa 2020 a pochi giorni dalla pubblicazione del bando sul Bollettino Ufficiale della Regione: Innonetwork.

Si tratta di uno strumento di finanziamento facente parte della Strategia regionale SmartPuglia 2020 per la ricerca e l’innovazione, che vuole stimolare gli attori operanti nella regione a superare i confini degli impegni individuali nel campo della progettazione e promuovere la creazione di aggregazioni tecnologiche pubblico-private, per programmi regionali di ricerca industriale e di sviluppo sostenibile finalizzati alla realizzazione di nuove tecnologie, nuovi prodotti e nuovi servizi.

Il fine ultimo dell’attività dello strumento sarà offrire prospettive di sviluppo sui mercati internazionali, configurare nuove specializzazioni, nonché incentivare la formazione di nuovi ricercatori industriali anche attraverso la sperimentazione di progetti di apprendistato di alta formazione e ricerca all’interno delle tre Aree di Innovazione Prioritarie: Manifattura Sostenibile, Salute dell’uomo e dell’ambiente, e Comunità digitali, creative ed esclusive.

Le tecnologie abilitanti di Innonetwork

Ciascun progetto, oltre a fare riferimento alle aree prioritarie, deve riguardare l’utilizzo di una tecnologia abilitante (KET) ed essere riferito ad almeno una delle priorità regionali collegate alle sfide sociali: Città e territori sostenibili, Salute, benessere e dinamiche socio-culturali, Energia sostenibile, Industria creativa, Sicurezza alimentare e Agricoltura sostenibile. Le attività ammesse a finanziamento dovranno avere inizio dopo la presentazione della candidatura, e concludersi entro 18 mesi dalla data di comunicazione di ammissione al beneficio.

Le agevolazioni previste dal bando Innonetwork

Le agevolazioni prevedono un contributo a fondo perduto per le attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, fino a € 1.500.000 per singolo progetto, per una copertura massima complessiva dell’80%, cumulabile con il credito d’imposta alla ricerca.

Beneficiari Innonetwork

I beneficiari delle agevolazioni sono piccole, medie e grandi imprese e gli Organismi di Ricerca – la cui presenza nella compagine è obbligatoria per l’accesso allo strumento – organizzati in rete come Associazioni Temporanee di Scopo (A.T.S.), Consorzi o Società Consortili o attraverso Contratti di Rete. Il gruppo proponente può andare da un minimo di due membri a un massimo di 9, di cui almeno una PMI e un Organismo di Ricerca.

Preleva la scheda sintetica del bando Innonetwork

Lo sportello online per la procedura telematica sul portale SistemaPuglia aprirà alle ore 12.00 del 10 febbraio 2017.

Richiedi una prima valutazione del progetto da candidare, avvia subito il percorso per accedere alle agevolazioni

OK INIZIAMO

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LASCIATI ISPIRARE!

Per avere sempre a portata di mail informazioni utili per sviluppare e innovare la tua impresa iscriviti alla nostra Newsletter:

Iscrizione