DECRETO ENERGIA 2022. Credito d’imposta per l’efficienza energetica

Home / News / Incentivi / DECRETO ENERGIA 2022. Credito d’imposta per l’efficienza energetica

Rendiamo noto che il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Energia 2022 per far fronte al rincaro dei costi energetici a carico delle imprese.

Fonte normativa: Decreto-legge n. 17 del 1° marzo 2022 convertito con modificazioni dalla Legge 27 aprile 2022 n. 34.

Nello specifico approfondiamo la misura riguardante il “Credito d’imposta per l’efficienza energetica delle Regioni del Sud” che è l’incentivo volto ad ottenere una migliore efficienza energetica ed a promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili, anche tramite la realizzazione di sistemi di accumulo abbinati agli impianti fotovoltaici.

L’incentivo si rivolge alle imprese che effettuano investimenti nelle regioni del Sud e Isole (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia).

Per gli investimenti effettuati fino al 30 novembre 2023 è attribuito un contributo sotto forma di credito d’imposta nelle seguenti misure:

  • intensità massima di aiuto per una piccola impresa al Sud pari al: 65%
  • intensità massima di aiuto per una media impresa al Sud pari al: 55%
  • intensità massima di aiuto per una grande impresa al Sud pari al: 45%

Le spese ammissibili riguardano i costi degli investimenti supplementari necessari per conseguire:

  • un livello più elevato di efficienza energetica
  • per l’autoproduzione di energia da fonti rinnovabili nell’ambito delle strutture produttive

Sarà pubblicato entro fine giugno il decreto attuativo che stabilirà i criteri e le modalità operative.

Il team Mendelsohn si può occupare di: valutarne la fattibilità, presentare la domanda, seguire la fase istruttoria e la rendicontazione delle spese.
Non esitate a contattarci per maggiori dettagli.

Pubblicato in:

Contatta gli esperti dell’ Agenzia di Sviluppo MENDELSOHN !
i campi contrassegnati con * sono obbligatori.

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.