Contratto di Sviluppo: bilancio positivo per il 2018

TeamCONTRATTI DI SVILUPPOLeave a Comment

Ottimi risultati nel 2018 per il Contratto di Sviluppo, incentivo gestito da Invitalia che sostiene i grandi investimenti nel settore industriale, turistico e di tutela ambientale.

Disponibile il bilancio 2018 delle iniziative avviate grazie alla misura Contratto di Sviluppo.

Cos’è il Contratto di Sviluppo

Il Contratto di Sviluppo, agevolazione gestita da Invitalia SpA e rivolta ai grandi investimenti nel settore industriale, turistico e di tutela ambientale, è arrivato alla sua seconda edizione. 

Con il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 2016, le procedure sono state migliorate, con l’introduzione di:

  • Procedure Fast Track: i tempi necessari per ottenere le agevolazioni si riducono per raggiungere il completamento del programma di investimenti entro 36 mesi; 
  • Accordi di Sviluppo: procedura a favore di progetti strategici per almeno 50 milioni di euro (per il settore della trasformazione dei prodotti agricoli il minimo degli investimenti è 20 milioni di euro). 

FARE BIOMETANO

Leggi anche: Impianti Biometano, come avviare la procedura “Fast Track”

Le agevolazioni del Contratto di Sviluppo

Il Contratto di Sviluppo prevede le seguenti agevolazioni:

  • contributo a fondo perduto in conto impianti
  • contributo a fondo perduto alla spesa
  • finanziamento agevolato
  • contributo in conto interessi

L’entità degli incentivi dipende dalla tipologia di progetto (di investimento o di ricerca, di sviluppo e innovazione), dalla localizzazione dell’iniziativa e dalla dimensione di impresa. 

I beneficiari del Contratto di Sviluppo 

La domanda può essere presentata da singole imprese o più imprese – ammesse al beneficio come imprese di rete o mediante la stipula di un contratto di rete. 

Il 2018 per il Contratto di Sviluppo 

Il 2018 si è chiuso con 32 progetti finanziati – per un numero complessivo di iniziative pari a 67.

Le iniziative approvate hanno attivato un investimento da parte di privati pari a circa 1 miliardo e 200 milioni, a fronte di investimenti pubblici pari a 450 milioni di euro. 

Anche l’impatto occupazionale è stato notevole, con la conferma e la creazione di circa 20.000 posti di lavoro. 

Il 60% delle iniziative parte dal sud Italia; le regioni più attive sono state la Campania e il Piemonte. 

Si guarda con ottimismo anche all’anno 2019.

Di seguito la videointervista a Ernesto Somma, Responsabile Incentivi e Innovazione di Invitalia, che conferma gli ottimi risultati raggiunti dall’incentivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *