Bando Grandi Progetti FRI dal 26 novembre

TeamINNOVAZIONELeave a Comment

Il 26 novembre 2019 la presentazione delle domande per il Bando Grandi Progetti FRI per Industria Sostenibile e Agenda Digitale

A partire dal 26 novembre sarà possibile inviare le richieste per la partecipazione al Bando Grandi Progetti FRI del Ministero dello Sviluppo Economico a favore di attività di Ricerca Industriale e Sviluppo sperimentale, a valere sulle risorse del Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti in ricerca.

A chi si rivolge il Bando Grandi Progetti R&S FRI

Sono ammesse le imprese in regime di contabilità ordinaria che dispongono di almeno due bilanci approvati, con l’eccezione degli spin-off.

Le imprese che vogliono accedere devono esercitare attività industriali, agroindustriali, artigiane o di servizi all’industria, oppure essere centri di ricerca.

I progetti ammissibili

I progetti di Ricerca e Sviluppo devono prevedere costi ammissibili non inferiori a 5 milioni di euro e non superiori a 40 milioni, per una durata non superiore a 36 mesi; possono essere presentati in forma singola o congiunta, mediante lo strumento del Contratto di Rete.

Possono essere presentati progetti diretti allo sviluppo di una tecnologia appartenente agli ambiti di intervento di Industria Sostenibile, o in alternativa di Agenda digitale.

In particolare, relativamente ai progetti di Industria Sostenibile, gli ambiti di intervento sono micro e nanoelettronica, nanotecnologia, fotonica, materiali avanzati, sistemi avanzati di produzione, biotecnologia industriale.

Per l’Industria Sostenibile, le tematiche rilevanti sono:

  • Processi e impianti industriali,
  • Trasporti su superficie e su via d’acqua,
  • Aerospazio,
  • TLC,
  • Tecnologie energetiche,
  • Costruzioni Ecosostenibili,
  • Tecnologie Ambientali.

Per l’Agenda Digitale, invece, gli ambiti di intervento sono: tecnologie per la nano-elettronica e la fotonica, tecnologie per l’innovazione di sistemi di comunicazione ottica e senza fili, tecnologie per l’IoT (Internet of Things), tecnologie per l’innovazione della virtualizzazione delle piattaforme, delle infrastrutture e dei servizi digitali, tecnologie per la valorizzazione dei dati su modelli aperti e di grandi volumi, per l’innovazione dell’industria creativa, dei contenuti e dei media sociali, nonché tecnologie per la sicurezza informatica.

I settori applicativi relativi a questi interventi sono invece:

  • Salute e Assistenza,
  • Formazione e inclusione sociale,
  • Cultura e turismo,
  • Mobilità e trasporti,
  • Energia e ambiente,
  • Monitoraggio e sicurezza del territorio,
  • Modernizzazione della pubblica amministrazione,
  • Telecomunicazioni,
  • Fabbrica intelligente.

Grandi Progetti R&S FRI per l’Economia Circolare

È prevista inoltre una riserva, dedicata alle attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale che contribuiscono, mediante l’elaborazione e lo sviluppo di innovazione di prodotto, processo e servizi, all’introduzione di modelli innovativi di economia circolare, che potranno interessare le diverse fasi della catena del valore.

Le agevolazioni

Le agevolazioni previste sono le seguenti:

  • Contributo a Fondo perduto del 20%
  • Finanziamento agevolato tra il 50% e il 70% per le PMI, e tra il 50% e il 60% per le Grandi imprese
  • Finanziamento bancario (da richiedere obbligatoriamente a una banca convenzionata con Cassa Depositi e Prestiti).

Gli incentivi legati al Bando FRI sono inoltre cumulabili con il Bonus Ricerca, per una copertura del 100% dei costi.

Valuta il mio progetto

L’Agenzia di Sviluppo MENDELSOHN presenta le domande di accesso alle agevolazioni alle 10.00 del 26 novembre 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *